Stephan Fischer | 06.04.2017

Un pezzettino di cioccolato per la salute

Il cioccolato è buono e ha persino effetti benefici sulla salute

La primavera è sinonimo di Pasqua, e a Pasqua il cioccolato non può mancare. Coniglietti di cioccolato, ovetti di cioccolato, barrette di cioccolato o raffinate praline al cioccolato: ce n’è per tutti i gusti. Con un consumo annuo di quasi 11 chili a persona, gli svizzeri conquistano il secondo posto nella classifica mondiale relativa al consumo di cioccolato. Ci battono solo i tedeschi.

Fonte di energia e alleato del buon umore

Una tavoletta di cioccolato da 100 grammi fornisce circa 550 chilocalorie di energia − il cioccolato fondente ne contiene un po’ di meno, quello bianco un po’ di più. Ciò corrisponde a circa un quarto del fabbisogno energetico quotidiano e circa a quanto si brucia in 40 minuti di jogging, 50 minuti di nuoto o 3 ore di camminata. Pertanto, mangiare troppo cioccolato non risulta positivo per la forma fisica. È, però, comprovato che mangiare ogni tanto un pezzettino di cioccolato ha effetti benefici sul corpo.

Il cacao contiene la teobromina, una sostanza simile alla caffeina, che ha effetti stimolanti e agisce sullo stato d’animo. Infatti, è risaputo che il cioccolato metta di buon umore. Il cioccolato fondente in particolare («il cioccolato nero è più salutare») può aumentare per alcune ore il contenuto di antiossidanti nel sangue con effetti benefici sul cuore. Consiglio: non bere latte con il cioccolato, poiché il latte neutralizza questo effetto positivo.

Inoltre ...

Al cioccolato si attribuiscono (anche se solo in maniera esigua) ulteriori benefici, tra cui ridurre la pressione sanguigna, favorire la cicatrizzazione delle ferite, avere un’azione antitussiva, prevenire le ulcere gastriche e ridurre il rischio di infarto. Non si esclude che in futuro questa lista di effetti positivi possa essere ancora ampliata. La nostra conclusione: mangiare con gusto, ma in modo moderato un coniglietto di Pasqua (un pezzettino al giorno!), può dunque avere effetti benefici sulla salute. E ricordate, più alto è il contenuto di cacao, meglio è.

Chi ha inventato il cioccolato?

La pianta del cacao, materia base del cioccolato, proviene dall’America del sud e veniva coltivata già dai Maya nel 600. 1000 anni dopo gli Aztechi del Messico avevano creato una bevanda a base di acqua, cacao, vaniglia e pepe di Cayenna che chiamavano «xocólatl» (acqua amara), da cui deriva la parola cioccolato. All’inizio del 19esimo secolo, in Francia la cioccolata liquida è stata sostituita dal cioccolato solido. La prima produzione di cioccolato al latte è avvenuta nel 1875 a Vevey.

Informazioni sull'autore

Stephan Fischer

Lavoro dal 2007 nella Comunicazione aziendale di Visana come redattore. Da allora, finalmente capisco, più o meno, come funziona il nostro complesso sistema sanitario. Come sportivo appassionato di più discipline ed allenatore di atletica leggera, temi quali la prevenzione, gli infortuni sportivi o la rigenerazione naturalmente mi toccano dal vivo. Ma anche le questioni legate all’ambiente e alle scienze naturali sono tra i miei argomenti preferiti.