Il nuovo coronavirus: punti di contatto