Melanie Schmid | 06.08.2018

Falsi miti in cucina

C’era una volta una bambina che ogni estate andava insieme a sua nonna a trovare la sorella nella regione di Basilea per raccogliere le ciliegie. I frutti erano baciati dal sole e avevano un gusto dolcissimo. La bambina sembrava non averne mai abbastanza ed erano più le ciliegie che mangiava di quelle che finivano nel cestino per raccoglierle. Con il caldo dell’estate la bambina aveva sete, ma la nonna la ammoniva: «Non bere acqua, altrimenti dopo aver mangiato tutte quelle ciliegie ti verrà un forte mal di pancia!» Intimidita da quelle parole, anche alcune ore dopo la bambina evitava di bere acqua.

Oggi sono una donna adulta e interpreto il consiglio di mia nonna come se fosse una leggenda. Ci sono altri miti che vivono da decenni, come quelli sul colesterolo, che viene demonizzato. Ma cosa si cela dietro a tutto ciò?

Le ciliegie e l’acqua provocano mal di pancia

In effetti, in passato le persone che bevevano acqua quando mangiavano frutta con i noccioli dovevano poi fare i conti con il mal di pancia. Motivo: probabilmente, l’acqua del rubinetto all’epoca conteneva germi che insieme ai frutti con i noccioli provocava flatulenza. Oggi questo problema non sussiste più.

Il pane caldo fa venire il mal di pancia

Il pane caldo appena sfornato ha un profumo delizioso e invita a essere mangiato subito. E in effetti si può farlo senza problemi, non occorre aspettare che il pane si raffreddi. Infatti, non può fermentare anche nello stomaco. I dolori alla pancia di cui si sente parlare sono, quindi, un falso mito.

Il caffè disidrata il corpo

Non bere caffè in estate perché disidrata il corpo. Falso! Non importa se si beve acqua o caffè, la quantità di liquidi nel corpo resta la stessa. Con l’acqua, la quantità che il nostro corpo elimina è dell’81 percento, con il caffè solamente qualcosa in più. Le sostanze contenute nel caffè possono stimolare la produzione di acidi gastrici, ma per gli amanti di questa bevanda ciò non rappresenta un problema. Il caffè rientra, quindi, nella razione giornaliera di liquidi.

Un’insalata a pranzo è sufficiente

Chi sta attento alla linea, spesso a pranzo mangia solo un’insalata. Ma è realmente efficace per la perdita di peso? Mangiare un’insalata non rappresenta un vero pasto e il pericolo è che si resti con la fame tutto il giorno e che la sera o durante gli spuntini si mangi di più (cibo non sano). Per un pasto completo non devono mancare pane e proteine, come anche le noci, la carne o il formaggio fresco. Dato che l’insalata consiste essenzialmente in acqua e non in vitamine, occorrerebbe accompagnarla con altri tipi di verdure.

Gli zuccheri buoni contro quelli cattivi

Gli zuccheri della frutta godono di un’immagine migliore rispetto allo zucchero cristallino. Tuttavia, entrambi questi tipi di zuccheri contengono le stesse calorie e dovrebbero essere consumati con moderazione. Il vantaggio dello zucchero contenuto nella frutta è che, siccome contiene importanti vitamine e sostanze nutritive, è considerato sano. Cosa che non si può invece dire della cioccolata, poiché contiene zucchero cristallino.

I superalcolici favoriscono la digestione

Dopo una fonduta è d’obbligo bere un digestivo perché stimola la digestione e diminuisce il senso di sazietà. Errore: siccome l’alcol rilassa la muscolatura dell’apparto digerente, abbiamo la sensazione di sentirci meno pieni. Tuttavia, i superalcolici sono controproducenti per la digestione: più alcol si consuma e più lentamente si digerisce. Meglio quindi bere solo acqua.

Quali falsi miti in cucina vi sono stati raccontati da piccoli?

Forse ancora adesso vivete seguendo queste leggende, quindi vale la pena fare una ricerca per capire se sono veritiere.

Informazioni sull'autore

Melanie Schmid

Lavoro dal 2016 nella Comunicazione aziendale di Visana come redattrice. Avendo la passione per la scrittura, mi piace ricercare sempre nuovi temi e poter presentare i miei interessi personali, come nell’ambito della sana alimentazione. È importante per me fare movimento a sufficienza, sia che si tratti di una corsa nel bosco o frequentare un corso di pilates. Sono sempre in movimento anche grazie ai viaggi, infatti amo scoprire nuovi Paesi e nuove culture.