Isabelle Bhend | 02.11.2018

Gli animali domestici favoriscono la salute

Cani, gatti o porcellini d’india: tutti questi animali favoriscono la nostra salute in tanti modi diversi. Il tempo che passiamo a contatto con i nostri animali domestici fa bene a corpo e anima.

In passato gli animali domestici avevano soprattutto un fine pratico: aiutavano durante la caccia, sorvegliavano il bestiame o cacciavano ratti e topi. Oggi gli animali domestici sono membri della famiglia. Quando arriviamo a casa ci salutano con grande gioia e abbiano, fanno le fusa o squittiscono quando ci vogliono comunicare le loro emozioni. Anche se a volte i nostri amici a quattro zampe non ci danno tregua sono un vero e proprio toccasana per noi, poiché hanno effetti benefici sulla nostra salute fisica e psichica. Quello che ogni amante degli animali firmerebbe subito, lo confermano, tra l’altro, anche i risultati dello studio dell’American Heart Association (AHA) nella rivista medica specializzata «Circulation».

 

Gli animali

  • diminuiscono le malattie cardiocircolatorie;
  • migliorano il benessere fisico e psichico;
  • abbassano il rischio di asma e allergie.

Gli animali ci spingono a fare sport

La mancanza di movimento è uno dei fattori di malattia più diffusi nella società moderna. Pertanto, è logico che le passeggiate quotidiane con il cane favoriscono il movimento e, quindi, contribuiscono a essere più attivi e sani. Il movimento regolare aiuta nella lotta contro le malattie croniche come la pressione alta, la bronchite o il diabete. Alcune persone sorridono quando racconto che i miei porcellini d’india contribuiscono per un terzo al mio obiettivo dei passi da compiere al giorno. Naturalmente non vado né a spasso né faccio jogging con i miei porcellini d’india. Ma sono loro a farmi uscire di casa la sera, a piedi o con la bici, per andargli a raccogliere dell’erba fresca o un ramo di faggio o di abete caduto nel bosco. Il fatto che ci sia tanta gente che mi guarda sorpresa quando mi vede camminare per boschi e prati con sacchetto, spago e forbice è tutta un’altra storia.

Gli animali fanno bene all’anima

Gli animali portano gioia e buon umore a chi li possiede. Il caloroso saluto al rientro a casa o lo sguardo che ci fa sciogliere di tenerezza quando ci chiedono un croccantino, tutto questo attiva il nostro sistema di ricompensa nel cervello. Quando i miei porcellini d’india fanno dei salti di gioia (detto anche «popcorning», dato che ricorda il mais che scoppia quando si trasforma in popcorn) allora sto bene anch’io. Ogni persona che possiede un animale potrebbe raccontare una storia simile. I nostri animali domestici fanno sì che per un attimo ci dimentichiamo dello stress quotidiano concentrandoci solo su quel momento. In presenza di un animale che dorme tranquillo non c’è posto per frenesia e stress. A lungo tempo questo ci rende più felici ed equilibrati. Questo è uno dei motivi per cui gli animali vengono utilizzati anche a fine terapeutico. I bambini autistici, per esempio, vivono sulla propria pelle come un essere vivente si avvicina a loro senza pregiudizi e si gode la loro attenzione. In geriatria o in case per anziani, invece, gli animali domestici danno struttura, danno argomenti di cui parlare e portano vita e spensieratezza in una quotidianità spesso monotona.

I bambini e le allergie agli animali

È vero, il pelo degli animali può scatenare delle allergie. In questo caso, il sistema immunitario reagisce in modo ipersensibile a determinate sostanze. I sintomi possono essere: occhi che bruciano, il naso che cola, esantemi, attacchi di tosse o mancanza d’aria. Più un bambino soffre di questi disturbi allergici più è probabile che sviluppi anche l’asma. In generale, però, gli animali non aumentano il rischio di malattie. Al contrario: nel migliore dei casi aiutano a diminuire il rischio di allergie nei bambini. Anche in questo caso vale il principio che è controproducente per il sistema immunitario tenere i bambini alla larga dagli animali (cfr. articolo del blog I bambini e lo sporco). Spesso gli adolescenti che da bambini sono stati in contatto con animali domestici sono meno inclini alle allergie e hanno un sistema immunitario migliore.

Quale animale domestico si adatta a me?

Nonostante tutti gli effetti benefici per i loro padroni, anche gli animali hanno le loro esigenze e hanno bisogno di tanto affetto e posto per essere tenuti in modo consono. Molti si dimenticano che anche gli animali costano. I costi per il veterinario sono meno cari rispetto al medico, tuttavia le spese si accumulano anche per i piccoli animali.

 

Ecco una lista di controllo prima dell’acquisto di un animale:

  • Voglio un animale che vive esclusivamente in casa o uno che esce anche in giardino?
  • Come va tenuto l’animale? (La protezione degli animali offre informazioni e requisiti relativi a una detenzione consona di animali da compagnia.)
  • Quanto tempo posso e voglio dedicare all’animale?
  • Quanto alti saranno i costi per il mangime e il veterinario?
  • C’è bisogno di un’autorizzazione da parte del locatore dell’abitazione per la detenzione di animali (cane, gatto)?
  • Chi si occupa dell’animale quando sono in ferie?
  • Chi si occupa dell’animale in caso di malattia?
  • In famiglia sussiste un’allergia ai peli d’animali?
  • C’è bisogno di un determinato equipaggiamento per tenere l’animale e quanto costa?
  • Quanto deve potersi muovere l’animale?
  • Sono abbastanza in forma per adempiere questi bisogni?
  • Qual è l’aspettativa di vita media dell’animale? Sono pronto ad essere vincolato per così tanto tempo?
  • In un animale cerco l’affetto emotivo?
  • Quanto spazio ho per l’animale?
  • E infine: quale animale è adatto al mio carattere e al mio stile di vita (un maratoneta non dovrebbe acquistare un cane bovaro bernese abbastanza pigro, bensì optare per una razza più predisposta a lunghe camminate)?

 

Si dice che ci sono due categoria di persone: quelle amanti dei gatti e quelle amanti dei cani. Per me la situazione è chiara: non appartengo né a una né all’altra categoria. Amo follemente i miei porcellini d’india e non li darei via per nessuna ragione al mondo.

Informazioni sull'autore

Isabelle Bhend

Lavoro dal 2014 nella Comunicazione aziendale di Visana. I miei amici me lo ripetono spesso: cassa malati? Che noia. No, non per me, a me piace il campo politico ed economico in mutamento. Ed essendo un’appassionata delle nuove tecnologie, sono molto felice di seguire i progetti sulla digitalizzazione nell’azienda. Nella mia vita privata sono una persona che ama muoversi, ad esempio vado a camminare in montagna, pratico lo sci, faccio immersioni oppure giro il mondo.