Stephan Fischer / 27.11.2020

Raffreddore, influenza o coronavirus? È importante riconoscere questi sintomi

Gola che brucia, un leggero raffreddore, febbre o starnuti. Se questi malanni sembravano innocui prima del coronavirus, adesso rappresentano motivo di preoccupazione per molte persone. Quali sintomi sono indice di un raffreddore, di un’influenza o del coronavirus e come comportarsi se compaiono?

Dall’arrivo del coronavirus ci preoccupiamo molto di più della nostra salute, prestiamo attenzione alle misure di igiene e teniamo sotto controllo i sintomi che potrebbero essere indice di un contagio da COVID-19. Molti di noi sono diventati dei veri e propri esperti in materia di salute. Ma proprio perché i sintomi di un’influenza, un raffreddore o persino di un’allergia sono simili a quelli di un’infezione da coronavirus, fare una diagnosi non è sempre facile.

È importante non sottovalutare questi sintomi

L’influenza provoca sintomi simili a quelli causati dal nuovo coronavirus. La comparsa di tosse secca, stanchezza e febbre può essere indice di infezione da COVID-19. Tuttavia, un’infiammazione alla gola non è sinonimo di aver contratto il coronavirus ma, piuttosto, il sintomo di un raffreddore, che nella maggior parte dei casi si manifesta con disturbi piuttosto lievi. Contrariamente al coronavirus, l’influenza e il raffreddore non provocano, in genere, difficoltà respiratorie. Questa è la più importante caratteristica distintiva del coronavirus.


Anche la perdita di gusto, di norma, è da ricondurre al coronavirus. Il naso che cola o gli occhi che lacrimano sono, invece, sintomi frequenti di allergie o raffreddore. Inoltre, i sintomi da allergia migliorano tendenzialmente con l’assunzione di antistaminici e altri farmaci specifici per le allergie.

Qui trovate una panoramica dei sintomi più importanti:

Fonte: Centers for Disease Control and Prevention, World Health Organization

Tuttavia, fare una chiara distinzione tra coronavirus e influenza sulla base dei sintomi è spesso difficile. Pertanto, per escludere di avere l’influenza, è sensato prevenirla proteggendosi con il vaccino antinfluenzale.

Cosa fare in caso di comparsa dei sintomi

Se comparissero i sintomi riconducibili a influenza e coronavirus, vi consigliamo di procedere nel modo seguente:

 

  • rimanete a casa e tenete sotto controllo i vostri sintomi;
  • fate l’autovalutazione sul coronavirus dell’UFSP. Alla fine riceverete una raccomandazione su cosa fare;
  • potete consultare telefonicamente anche il vostro medico oppure la nostra hotline attiva 24 ore su 24 di Medi24;
  • i clienti titolari di un’assicurazione Med Call, Tel Doc o Tel Care hanno la possibilità, come avveniva finora, di comunicare al telefono il loro disturbo oppure, da ora in poi, possono farlo tramite l’innovativo accesso digitale di Medi24 Navigator;
  • fate subito il test se il vostro medico lo consiglia. Se sono soddisfatti i criteri per il test dell’UFSP, i relativi costi saranno assunti dalla Confederazione.

 

Fino al risultato del test: restate a casa e seguite le istruzioni sull’isolamento. Evitate qualsiasi contatto con altre persone finché non è disponibile il risultato del test.

Se riscontrate uno dei seguenti sintomi acuti e, quindi, sospettate di un contagio da coronavirus o una potenziale emergenza, vi consigliamo di consultare il prima possibile il personale medico specializzato:
 

  • difficoltà respiratorie o affanno;
  • dolore persistente o oppressione al petto;
  • stato di confusione o difficoltà ad alzarsi dal letto;
  • alterazione del colore di labbra e volto (blu).

 

Il decorso della COVID-19 è molto diversificato. Alcuni pazienti non si accorgono di aver contratto la malattia e sono meri portatori del coronavirus. In casi più rari, però, i pazienti hanno un decorso più complesso: in questi casi, le persone più anziane sono più a rischio rispetto ai giovani. Per questo l’infezione da coronavirus è insidiosa: perché non esiste un decorso tipico della malattia. L’unica certezza assoluta è rappresentata dal test. Per evitare di andare incontro a tutto ciò, il miglior modo per prevenire il rischio di ammalarsi è di rispettare le misure di igiene e sicurezza ormai note.

Iscriviti ora!

Informazioni su
Stephan Fischer

Lavoro dal 2007 nella Comunicazione aziendale di Visana come redattore. Da allora, finalmente capisco, più o meno, come funziona il nostro complesso sistema sanitario. Come sportivo appassionato di più discipline ed allenatore di atletica leggera, temi quali la prevenzione, gli infortuni sportivi o la rigenerazione naturalmente mi toccano dal vivo. Ma anche le questioni legate all’ambiente e alle scienze naturali sono tra i miei argomenti preferiti.

Commenti Le regole del blog'