Raffreddore da fieno: fare jogging nonostante i pollini

Per chi ne soffre, il raffreddore da fieno può rovinare il piacere di fare jogging all’aria aperta. Abbiamo per voi dei consigli su come andare a correre all’aperto nonostante lo spargimento di polline.

Finalmente si può tornare ad allenarsi all’aperto. Le temperature miti della primavera attirano all’aperto frotte di appassionati e appassionate del jogging. Se solo non fosse per quel fastidioso raffreddore da fieno...! Eppure chi soffre per via del polline non dovrebbe rinunciare a fare jogging. Con la giusta preparazione, è letteralmente possibile sfuggire al polline.

Otto consigli: fare jogging con il raffreddore da fieno

1. Sapere è potere

Basta un test allergico, sotto forma di test cutaneo o esame del sangue, per scoprire quali pollini vi causano una reazione allergica. Informatevi presso il vostro dottore o la vostra dottoressa di fiducia.

2. Controllare lo spargimento di polline

I giorni non sono tutti uguali. L’unica cosa che possiamo fare è controllare giornalmente le previsioni sulla diffusione del polline. Ad esempio qui: www.pollenundallergie.ch. Sullo stesso sito web potete abbonarvi alla newsletter sul polline, che vi informa ogni giorno sulla situazione nella regione selezionata. Per chi vuole sapere quanto polline è sparso nell’aria e dove, l’app gratuita Pollen-News-App (in tedesco) è un’ottima scelta.

 

Buono a sapersi: a partire da un’altitudine di 800 m sul livello del mare la concentrazione di pollini si riduce.

3. Correre dopo la pioggia

La pioggia è una benedizione per chi soffre di raffreddore da fieno, perché lava via le particelle di polline dall’aria e garantisce così, temporaneamente, una minor concentrazione di polline. Dunque, la cosa migliore è cominciare a correre una mezz’oretta dopo che ha piovuto. Diversa è la situazione poco prima di un temporale estivo: a causa dell’elevata umidità dell’aria, il polline «scoppia» e libera grandi quantità di proteine allergeniche, che intensificano lo stimolo a starnutire e possono favorire gli attacchi d’asma.

4. Qual è l’ora migliore per fare jogging?

Che sia la mattina presto, a mezzogiorno o la sera tardi: purtroppo non c’è una fascia oraria generale libera dai pollini in cui è meglio fare jogging. In alcuni posti lo spargimento di pollini è molto forte al mattino, mentre in altri aumenta verso sera. L’unica cosa che possiamo fare è controllare la Pollen-News-App (in tedesco).

5. Indossare gli occhiali da sole

Gli occhiali da sole diventano l’accessorio indispensabile per fare jogging. La cosa migliore è scegliere un modello che avvolga bene l’occhio. In questo modo le mucose si irritano meno.

6. Correre con la mascherina?

Anche se probabilmente tutti noi siamo stufi di indossare la mascherina, può comunque valere la pena di indossare uno scaldacollo tubolare specifico per sportivi. La stoffa tra le mucose e il polline fa da barriera di protezione aggiuntiva. Un altro accorgimento utile è respirare dal naso. In questo modo entrano meno allergeni nei polmoni.

7. Città vs. campagna

Si potrebbe pensare che in campagna il raffreddore da fieno sia una costante, ma in realtà l’allergia al polline ha vita ancor più facile nelle città ad alta densità di costruzioni. Il motivo è l’inquinamento dell’aria. I gas di scarico possono scatenare sintomi o farli aggravare. Se siete allergici alle graminacee, il parco cittadino è un tabù: meglio andare nel bosco. Il contrario vale per chi è allergico al polline degli alberi: fare jogging nei campi, lungo il fiume o un lago è una buona alternativa al bosco.

8. Sciacquare via il polline

Il polline si insinua dappertutto. Resta impigliato tra i capelli, nei vestiti, sulla pelle. Per non sparpagliare queste minuscole particelle in tutta la casa, la cosa migliore è infilarsi direttamente nella vasca o sotto la doccia subito dopo aver corso. Un’altra cosa utile è lavare i vestiti dopo ogni corsa e non lasciarli asciugare all’aria aperta.

Quando rinunciare ad allenarsi fuori?

Vi sentite deboli, oppure la concentrazione di pollini è molto alta in questo momento? Allora meglio allenarsi in casa, saltare l’allenamento o sostituirlo con una sessione di yoga dolce.

Informazioni su
Corinne Dubacher - Glossy Words

Als freischaffende Texterin und Bloggerin unterstütze ich das Visana-Onlinemarketingteam seit 2017. Ich liebe es, immer wieder in neue Themen einzutauchen und darüber zu schreiben. Nach einigen Jahren in verschiedenen Agenturen gründete ich 2011 meine eigene Textagentur GlossyWords (www.glossywords.ch) und berate Unternehmen in den Bereichen Text, Blog und Social Media. Meine Freizeit verbringe ich am liebsten am oder auf dem Wasser. Ein fauler Tag im Liegestuhl schätze ich genauso wie eine Poweryoga-Session am Ufer oder eine ausgiebige Tour auf dem SUP-Board. Wenn es das Wetter mal nicht so gut meint, bespasse ich Mann und Katzen, experimentiere in der Küche oder lasse mich von guten Geschichten unterhalten.

Iscriviti ora!

Commenti Le regole del blog'