Stephan Fischer / 02.03.2021

Salute sul posto di lavoro: quando non è possibile lavorare da casa

Il riposo è fondamentale per compensare il carico di lavoro – anche e soprattutto quando, come adesso con il coronavirus, non è possibile lavorare da casa. Il presente articolo del blog dà alcuni consigli su cosa fare per rilassarsi.

Sebbene il telelavoro sia sulla bocca di tutti in questi mesi, non tutte le categorie professionali possono ricorrere a questa nuova forma di lavoro. Molte persone che non possono lavorare da casa si chiedono: «Anche se non ho la possibilità di lavorare da casa, che cosa posso fare per riposarmi e compensare lo stress lavorativo?».

 

Da circa un anno, abbiamo imparato a fare i conti con la Covid-19 e le conseguenti restrizioni durante il lavoro quotidiano. Molte imprese, nel frattempo, si sono adeguate a questa situazione particolare. Le loro collaboratrici e i loro collaboratori si sono organizzati per allestire una postazione di lavoro nella propria abitazione e ci sono già moltissime testimonianze sui pro e contro dell’home office.

Ma come stanno le persone che invece non possono lavorare da casa?

Soprattutto le lavoratrici e i lavoratori «sul fronte», ad esempio chi opera nel settore sanitario, nell’edilizia e nella vendita, sono quotidianamente confrontati con un elevato rischio per la propria salute e con uno stress maggiore. Dallo scoppio della pandemia sono stati messi a disposizione vari ausili per gestire la Covid-19 (vedi riquadro «Ulteriori informazioni e supporto»). Definire le misure organizzative va bene, ma non basta. Con il coronavirus, le nostre eroine e i nostri eroi devono affrontare ogni giorno sfide che le persone che possono lavorare da casa non immaginano nemmeno. Ad esempio: quale possibilità hanno a mezzogiorno per il pranzo gli addetti al montaggio? E come mantenere la distanza interpersonale nei container da cantiere?

 

Al centro vi sono anche temi quali un sufficiente riposo dopo una giornata fisicamente impegnativa.

Riposo, vitale per rimanere in forma ed efficienti

I periodi contrassegnati dall’incertezza sono estremamente impegnativi sul piano sia mentale, sia emozionale. Per poter ricaricare le pile, è necessario gestire le nostre risorse in modo oculato.

Non importa se la solita sessione di allenamento in palestra, le attività associative o quattro chiacchiere con gli amici dopo il lavoro: attualmente molte delle abitudini che avevamo per rilassarci non sono più praticabili. Ciò che una persona percepisce come rilassante dipende molto dal tipo di lavoro che svolge e anche dal carattere personale. L’importante è sapere quali sono le attività migliori per rilassarsi e riflettere su come adeguare lo svago all’attuale situazione.

 

Una passeggiata serale con la lampada frontale o la partecipazione settimanale a un corso online di pilates? Oppure una chiamata – non importa se breve o lunga – con un conoscente che non sentiamo più da tantissimo tempo? In fondo, basta prendere nella rubrica telefonica del proprio smartphone il primo contatto che soddisfi questo criterio.

 

Il risultato vi sorprenderà in positivo!

Riposo: meglio se con esperienze divergenti

Un’esperienza serale in contrasto con la giornata lavorativa favorirà particolarmente il recupero. Chi di giorno è stato in contatto con tante persone si riposerà meglio se dopo il lavoro si ritaglia degli attimi di assoluta tranquillità o svolge attività individuali. Prendetevi cinque minuti del vostro tempo per riflettere sui seguenti punti riguardanti il modo con cui organizzare il vostro tempo libero dopo il lavoro – ne vale la pena!

 

  • Ozio anziché attività fisica oppure movimento anziché sedentarietà?
  • Tranquillità anziché rumore oppure suoni della vita anziché silenzio?
  • Ritagliarsi uno spazio per stare con sé stessi anziché essere sempre disponibili oppure compagnia anziché solitudine?
  • Lavoro manuale (ad esempio, fare a maglia o scrivere a mano) anziché lavoro alla tastiera oppure monitor anziché lavoro in officina?

 

Detto ciò, vi auguriamo di restare in salute e buon divertimento durante la ricerca dell’attività più rigenerante per voi!

Ulteriori informazioni e supporto

Centro di competenza in materia di GAS di Visana – focus su ciò che è realizzabile

Le collaboratrici e i collaboratori sani ed efficienti sono imprescindibili per il successo di un’azienda. Accompagniamo le aziende dall’attuazione di singoli provvedimenti fino al completo radicamento strategico in seno a tutti i livelli aziendali delle misure di gestione aziendale della salute. Se desiderate sapere quali misure sono attuabili nella vostra azienda, non esitate a rivolgervi a noi.

 

>> Per contattarci

Informazioni su
Stephan Fischer

Lavoro dal 2007 nella Comunicazione aziendale di Visana come redattore. Da allora, finalmente capisco, più o meno, come funziona il nostro complesso sistema sanitario. Come sportivo appassionato di più discipline ed allenatore di atletica leggera, temi quali la prevenzione, gli infortuni sportivi o la rigenerazione naturalmente mi toccano dal vivo. Ma anche le questioni legate all’ambiente e alle scienze naturali sono tra i miei argomenti preferiti.

Iscriviti ora!

Commenti Le regole del blog'