torna alla panoramica

Curare le cicatrici, spiegato semplice

Corinne Dubacher
Corinne Dubacher
Che siano il risultato di un’operazione, un taglio o un’ustione, le cicatrici fanno parte della vita. Eppure, raramente le vediamo come trofei. Piuttosto, vorremmo sbarazzarcene velocemente. In questo articolo vi forniamo consigli preziosi su come curare correttamente le cicatrici: dalle creme fatte in casa fino al trattamento per rimuovere i disturbi che le cicatrici possono provocare.

Esistono cicatrici di ogni forma e grandezza: lunghe, corte, strette, larghe... Alcune sono a malapena visibili, altre invece molto evidenti. Ma tutte hanno una cosa in comune: raccontano una storia, testimoniano il fatto che chi le porta ha superato un ostacolo, o addirittura è sopravvissuto a un evento. Per questo andrebbero mostrate con orgoglio, senza bisogno di nasconderle o vergognarsi.


È più facile a dirsi che a farsi, perché non proprio tutte le suture sono belle da vedere. Le cicatrici non scompaiono mai del tutto, ma con la giusta pazienza e le giuste cure, nel migliore dei casi non resta che una linea sbiadita.

Come nascono le cicatrici

La maggior parte delle cicatrici sono il risultato di un’operazione o di un incidente. Ma anche le cadute (ricordo la mia caduta da una recinzione metallica) o le ustioni (fornelli, forno, acqua bollente) possono lasciare delle cicatrici permanenti.

 

Va dedicata particolare attenzione soprattutto alle cicatrici fresche, che hanno bisogno di «assestarsi» e diventare morbide ed elastiche. Servono infatti da uno a due anni prima che una cicatrice diventi «matura». In questo lasso di tempo si può fare molto per migliorarne l’aspetto.

Come posso curare la mia cicatrice?

Creme e gel per cicatrici

   
 

Le creme o i gel per la cura delle cicatrici sono acquistabili in farmacia senza bisogno di ricetta. Rappresentano un’ottima opzione semplice da usare per curare la pelle. Nella maggior parte dei casi è sufficiente applicare il prodotto una volta al giorno, preferibilmente prima di andare a dormire. Anche se la tentazione di applicare uno spesso strato di crema o gel è tanta, molte volte non serve affatto. È meglio applicarne una piccola quantità, ma farlo giornalmente massaggiando la pelle. Il massaggio presenta infatti diversi vantaggi: innanzitutto il sangue si distribuisce meglio su tutto il tessuto cutaneo e la ferita guarisce meglio, e inoltre la pelle non si attacca.

 

La cura di una cicatrice richiede sì molta pazienza e perseveranza, ma vale la pena. I primi risultati iniziano a vedersi dopo un po’ di tempo, infatti la cucitura si appiattisce e diventa meno vistosa.

Crema come rituale serale

   
 

A coloro che, come me, non amano particolarmente le routine e si dimenticano spesso di mettersi la crema, consiglio di impostare un promemoria giornaliero sempre alla stessa ora. Può essere utile anche mettere la crema sul comodino, in modo da applicarla quando si è a letto, per poi chiudere semplicemente gli occhi e volare nel mondo dei sogni. 

Prodotti naturali e rimedi casalinghi per curare le cicatrici

   
 

Se si desidera trattare la cicatrice con prodotti naturali, oppure se la cicatrice dà prurito, un’ottima opzione è la pomata a base di calendula, che favorisce la guarigione della ferita e ha un effetto antinfiammatorio e decongestionante.

 

>> Vi piacerebbe preparare voi stessi la pomata? Qui trovate la ricetta

Restando in cucina: di tanto in tanto potete massaggiare le cicatrici più vecchie con olio d’oliva. Questo non le farà scomparire, ma permetterà di idratarle.

Cerotto per cicatrici

   
 

Oltre alle creme e ai gel, esistono dei cerotti speciali per cicatrici al silicone. I cerotti sono utili soprattutto in caso di cicatrici fresche, in quanto accelerano la formazione di collagene e quindi la maturazione della cicatrice. I cerotti idratano molto la cicatrice, che diventa più piatta, morbida ed elastica. Avete una vecchia cicatrice e volete farle del bene? Il trattamento con cerotti fa bene anche alle cicatrici più datate.

 

Modalità d’uso: applicare il cerotto lasciandolo agire per 24 ore. La maggior parte dei cerotti sono resistenti all’acqua e riutilizzabili, quindi non ne serve uno al giorno.

Altri suggerimenti

  • Ah, quanto è bello il sole! Purtroppo, però, la luce diretta del sole può scolorire la cicatrice ancora fresca. Copritela oppure proteggetela con una crema solare.
     
  • I vestiti che sfregano o i tessuti che graffiano possono irritare la pelle e ingrandire la cicatrice.
     
  • Evitate tensioni e stiramenti in prossimità della cicatrice per impedire eventuali strappi.

Quando si dovrebbe cominciare a curare la cicatrice?

La buona notizia è che non è mai troppo tardi. Applicando regolarmente creme, anche le vecchie cicatrici tornano morbide. Nel caso di cicatrici fresche post-operazione è consigliabile discutere con il proprio medico del momento ideale in cui cominciare. In genere si può iniziare dopo la rimozione dei punti di sutura. Nel caso di cadute o ustioni lievi che non richiedono un intervento medico, solitamente si può iniziare con la cura della cicatrice subito dopo aver pulito e disinfettato la ferita.

Buono a sapersi:

  • arzt-koffer
    Rimozione delle cicatrici

    Per il trattamento della cicatrice devono passare almeno tre mesi dall’operazione. Il trattamento viene offerto da naturopati e naturoterapisti.

Sag uns deine Meinung

Vi è piaciuto l’articolo?
Saremo lieti di leggere i vostri commenti.

Le regole del blog'

Articoli correlati

Contatto