Base del diritto a richiedere prestazioni

La base del diritto alle prestazioni per malattia professionale è costituita da: attività lavorativa nell’ambito delle professioni sanitarie, nel cui quadro si è esposti al contatto quotidiano con pazienti malati di COVID-19. Ciò riguarda l’ambito ospedaliero o degli studi medici, i medici e il personale infermieristico, nonché quello in servizio presso le case di riposo o di cura o le organizzazioni Spitex. A questi si aggiunge il personale dei laboratori.

Il requisito per il riconoscimento delle prestazioni dell’assicurazione contro gli infortuni è, in ogni caso, un contatto diretto e dimostrabile con un paziente COVID-19 nel quadro dell’attività lavorativa.

Non si erogano prestazioni se, ad es. negli ospedali, si ammala il personale amministrativo, delle lavanderie, della portineria, ecc.

Come devono essere gestite le assenze nel periodo che intercorre tra il momento in cui ci si sottopone al test per il coronavirus e quello in cui si riceve il risultato?

Se i criteri necessari ai fini del riconoscimento delle prestazioni dell’assicurazione contro gli infortuni (contatto, nell’ambito dello svolgimento della professione, con una persona comprovatamente affetta da COVID-19 e presenza di sintomi propri) sono soddisfatti occorre effettuare immediatamente un test, così che, facendo ricorso al periodo di attesa di tre giorni stabilito dalla legge, non si ingeneri alcun diritto alle prestazioni di indennità giornaliera. Le eccezioni devono sempre essere esaminate concretamente.

Pertanto, l’indennità giornaliera viene corrisposta solo se l’inabilità lavorativa dovuta a malattia o a quarantena supera i tre giorni.

Per quanto tempo viene pagata l’indennità giornaliera agli assicurati malati di COVID-19?

Malati con sintomi lievi:

Secondo l’UFSP, la quarantena può essere interrotta 48 ore dopo che i sintomi sono scomparsi, a condizione che siano trascorsi almeno 10 giorni dalla loro comparsa. www.bag.admin.ch

 

Malati con sintomi gravi:

Questi pazienti sono generalmente ospedalizzati; la ripresa del lavoro e la sospensione della quarantena avvengono in base alla valutazione dei medici curanti.

Chi sostiene i costi del test?

Tutti i test continuano a essere a carico della Confederazione. Se le persone summenzionate si ammalano di coronavirus, i costi effettivi delle cure mediche sono a carico dell’assicuratore LAINF.

Come è regolato l’indennizzo della perdita di guadagno in caso di lavoro a orario ridotto?

L’indennità giornaliera è calcolata in base al salario che una persona infortunata o ammalata avrebbe conseguito senza orario ridotto.