Patrizia Catucci / 01.02.2021

«Hygge»: la ricetta della felicità secondo i danesi

L’«hygge» è la ricetta danese per essere più felici, giorno dopo giorno. Qui trovate i nostri consigli per riscoprire la bellezza delle cose più semplici.

A chi fa una breve ricerca su Wikipedia, l’«hygge» viene descritto così: hygge è un sostantivo delle lingue danese e norvegese impiegato per definire un sentimento, un’atmosfera sociale, un’azione correlata al senso di comodità, sicurezza, accoglienza e familiarità.

L’«hygge» va di moda: i danesi stessi descrivono questa filosofia di vita come la «ricetta per la felicità». Ma cosa si nasconde davvero dietro questa filosofia di vita? Nel nostro articolo ci immergiamo in questo concetto e vi diamo consigli per portare più «hygge» nella vostra vita.

 

L’«hygge» viene in aiuto in qualsiasi situazione di vita, per affrontare i nuovi progetti con più serenità e sentirsi meno sotto pressione. Questa idea riassume il concetto di equilibrio positivo tra la vita privata e il lavoro. Aiuta a «staccare la spina» nel tempo libero e a godersi in modo sensato, ma anche rilassato, il tempo dopo il lavoro.

 

Tutto quello che vi serve per praticarla è «semplicemente» voi stessi. Tutto ruota intorno all’assaporare il momento e lasciarsi alle spalle le cose negative, fare del bene a sé e agli altri, rendere la vita quanto più piacevole e bella possibile. Riconoscere i piccoli momenti di felicità nella vita di ogni giorno e saperli apprezzare.

1. Praticare la cura per le piccole cose

L’«hygge» non ha a che fare con cose materiali. Tutto sta nel concentrarsi sul momento e nell’essere grati per le cose belle nella vita, nel prendere con più calma la vita di ogni giorno e nel ridurre lo stress.

2. Rilassatevi!

Rilassatevi, da soli o nella vostra cerchia di affetti, facendovi avvolgere dal calore di una coperta e con un buon libro tra le mani. Mettete la vostra musica preferita, lanciatevi nel vostro prossimo progetto fai-da-te o riposatevi, semplicemente, facendo quattro chiacchiere con i vostri amici. Cercate una «pausa hygge» che vi faccia bene.

3. Non vedere l’ora di cucinare e...

... mangiare bene! Un’alimentazione sana è uno degli elementi irrinunciabili della filosofia «hygge», perché migliora la vostra salute e la vostra forma fisica e anche perché cucinare rilassa e dà piacere. La vostra festa gastronomica personale può essere una cena cucinata con gli amici, cuocere qualcosa al forno coi bambini, provare nuove ricette, un falò nella neve o un picnic in salotto. Magari la sera vi basta godervi la vostra bevanda preferita comodamente seduti sul divano? E allora cosa aspettate?

4. Vivere all’insegna del minimalismo e della comodità

La comodità made in Danemark vive delle piccole cose. Anche in tema di arredamento. Un appartamento in stile «hygge» è arredato in modo pratico e minimalista. Solo le cose importanti nella vita dovrebbero trovare posto tra le mura di casa.

 

Piccole fonti luminose come candele, lampade dalla luce calda e catene di luci distribuite nelle stanze, o addirittura un camino, danno un aspetto più confortevole alla stanza. Una bella coperta, cuscini morbidi, un tappeto comodo, piante da interni, uno scaffale pieno di libri appassionanti, un divano accogliente sono altri piccoli accorgimenti che migliorano il benessere. Ricordi e fotografie danno un tocco più personale. Troppi oggetti e disordine sono causa di stress e malessere, quindi: «keep it simple but nice» (fa’ che sia semplice, ma bello).

 

Lo stesso, tra l’altro, vale anche per l’ufficio. Bastano una foto che vi piace, una bella lampada e uno scialle morbido sulle spalle per dare subito più tepore al clima di lavoro.

5. Immergersi nella natura

Le attività del tempo libero «hygge», come le camminate, i picnic o una piacevole passeggiata in inverno, sono altrettanto gradevoli di uno stile di arredamento vicino alla natura. Materiali che fanno sentire bene, come il legno, colori caldi come il marrone, il crema e il beige, o ancora toni neutri di blu, verde e rosso rendono l’atmosfera più confortevole.

Come cominciare a fare spazio all’«hygge» nella vostra vita?

La buona notizia è che ci si può allenare a essere felici. Iniziate dalle piccole cose e provate i nostri consigli: 

 

  • Il diario della gratitudine: ogni sera, prendete nota delle cose positive che vi sono capitate durante il giorno. Così, il cattivo umore scomparirà in un baleno ogni volta che sfoglierete il vostro diario della gratitudine.
  • Sorridete! Sapevate che il cervello non è in grado di distinguere un sorriso falso da uno vero? Allora, non sorridete solo perché siete felici, ma anche per diventarlo. E c’è di più: sorridere è contagioso.
  • Respirare consapevolmente: respirare in modo calmo aiuta a rilassarsi e concentrarsi.
  • Spegnere il telefono o disattivare le notifiche, anche soltanto per un’ora al giorno. Vedrete: è rilassante.

La nostra conclusione hygge: prendetevi un giorno di pigrizia ogni tanto e godetevi il dolce far niente.

Informazioni su
Patrizia Catucci

Il mio cuore batte forte per tutto quello che ha a che fare con la vita in famiglia, i blog, le ultime tendenze e la creatività. Ho sempre avuto tanta fantasia: finora mi sono occupata del mio blog ZigZagFood.org, su cui parlo di famiglia e di ricette come più mi piace. Ora ho messo da parte per qualche tempo il mio blog e mi occupo di quello di Visana, dove sono approdata al team Marketing online. Nel tempo libero adoro testare le ultime tendenze deliziose e soprattutto sane in materia di cibo, faccio bricolage, decorazioni o mi concedo del tempo in mezzo alla natura. Sono mamma di due bambine e product designer, e in quanto tale ho il piacere di curare il blog all’insegna del motto «La bellezza salverà il mondo» (Dostoevskij), condividendo con voi buffe impressioni sulla vita in famiglia, idee simpatiche per il bricolage, consigli per ricette prelibate e sulla salute e altri temi appassionanti.

Iscriviti ora!

Commenti Le regole del blog'