Madeleine Kohler / 05.11.2021

Vedere e farsi vedere – visibilità in autunno

Oltre agli splendidi colori del foliage, l’autunno porta con sé giornate buie e corte, strade scivolose e un aumento dei pericoli della circolazione stradale. Scoprite qui come rendervi meglio visibili fuori casa e nel traffico.

Le giornate si accorciano, le temperature si muovono lentamente e inesorabilmente verso lo zero e ormai percorriamo il tragitto casa-lavoro all’imbrunire, nel migliore dei casi.

 

«Imbacuccati» in berretti, sciarpe e giacche invernali dai colori scuri, i ciclisti, i bambini e i runner che circolano sulle strade spesso non vengono visti. Abbiamo raccolto alcuni consigli e suggerimenti per tutti coloro che vogliono continuare a muoversi in sicurezza sulle strade nonostante il freddo e la scarsità di luce; seguiteli per proteggere voi stessi e gli altri. La parola d’ordine? Vedere e farsi vedere. 

La tecnologia giusta

Avere un fanalino sulla bici non solo aiuta a vedere meglio al buio, ma è anche un vero e proprio obbligo – peraltro previsto per legge. E a giusto titolo, perché senza la corretta illuminazione le bici diventano mezzi di trasporto simili a ombre, di cui ci si accorge solo all’ultimo minuto, con conseguenze devastanti. Per evitare incidenti e muoversi in sicurezza, dunque, è fondamentale possedere una buona fonte di illuminazione. Oltre alla dinamo integrata, che alimenta il faretto della bici con il movimento delle ruote, ci sono anche molte alternative per luci anteriori e posteriori alimentate a batteria e a pile. 

 

Chi usa regolarmente la bici preferisce luci fisse, alimentate da una dinamo, perché non si scaricano mai e non c’è il pericolo di dimenticarle a casa.

Le moderne luci anteriori e posteriori a LED spesso raggiungono prestazioni migliori, ma devono essere ricaricate o dotate di nuove batterie. Naturalmente sta a voi scegliere; l’importante è che la vostra bici sia provvista di fari sufficientemente luminosi, sia davanti, sia dietro. 

L’abbigliamento giusto

L’obiettivo principale degli abiti autunnali e invernali è uno, ossia tenerci al caldo. Nella circolazione stradale, però, dovrebbero anche proteggerci dalle altre persone sulla strada rendendoci visibili. Un berretto di lana nero e un piumino scuro saranno anche all’ultima moda, ma con la luce crepuscolare potrebbero passare più per un abbigliamento mimetico che altro. 

 

Chi non vuole per forza modificare la tonalità del proprio guardaroba adeguandola a quella dei segnali stradali può rendersi visibile con accessori catarifrangenti. Braccialetti catarifrangenti da indossare al polso o alla caviglia sono perfetti per ciclisti, pedoni e runner. Inoltre, ormai gli adesivi catarifrangenti si trovano praticamente in qualsiasi supermercato e possono essere comodamente attaccati sulle cartelle dei bambini, i parafanghi delle bici, i bastoncini da nordic walking e molto altro. Anche i gilet riflettenti sono un ottimo strumento per rifrangere la luce e attirare così l’attenzione. Nel tragitto casa-scuola i bambini dovrebbero sempre indossare un gilet riflettente per essere ben visibili agli automobilisti sui percorsi pedonali e agli attraversamenti stradali.

Questo gilet riflettente con luci LED è ideale per i runner e le runner che corrono su sentieri da jogging poco illuminati. Acquistandolo presso il Visana Club beneficerete di uno sconto esclusivo.

Ciclisti e cicliste: attenzione!

Soprattutto negli orari di punta, sulle strade di città le gerarchie tra automobilisti e ciclisti non sono molto chiare. Tutti vanno di fretta, nessuno vuole aspettare che diventi verde un secondo semaforo e spesso lo stress, nella circolazione stradale, ci fa fare manovre distratte. Proprio per questo è importante che i ciclisti, ossia le persone in posizione più rischiosa, risultino sempre visibili al meglio per gli automobilisti. Oltre a fari luminosi e catarifrangenti sulle gambe e i parafanghi, esiste anche la possibilità di mandare segnali luminosi con il casco. 

 

Con il casco «Lumos Ultra» non c’è praticamente nulla che impedisca una pedalata in sicurezza al crepuscolo. Questo casco da bici porta la visibilità nella circolazione stradale a un livello del tutto nuovo: alla protezione fondamentale di un casco da bici, il casco Lumos abbina un’illuminazione funzionale a un peso piuma. Luci lampeggianti sulla parte frontale e posteriore del casco rendono ben riconoscibile il ciclista o la ciclista nel traffico, evitando loro il rischio di non essere visti. Nel Visana Club potete acquistare il casco Lumos a un esclusivo prezzo agevolato – perché noi abbiamo a cuore la vostra sicurezza! 

Il comportamento giusto

Oltre a utilizzare i prodotti catarifrangenti e luminosi che ci permettono di muoverci in sicurezza nel traffico autunnale e invernale, dovremmo adottare anche un atteggiamento prudente. Nella logica di noi adulti l’importanza di essere visibili nel traffico è lapalissiana, ma i bambini spesso non pensano ai pericoli della circolazione stradale. 

 

Basta un «esperimento» pratico per illustrare meglio l’importanza delle luci e degli accessori riflettenti: quando inizia a fare buio, una persona si siede in macchina con il bambino o la bambina e l’altra, vestita di scuro, si posiziona a qualche metro di distanza sull’altro lato della strada. La stessa scena viene poi ripetuta utilizzando accessori riflettenti, come un gilet catarifrangente. L’effetto è evidente: i catarifrangenti e le fonti luminose supplementari permettono di essere visti meglio dall’auto. Sulla base di questo esempio i bambini possono capire meglio perché è importante indossare un gilet riflettente. 

 

Inoltre è bene spiegare ai bambini che sono più difficili da vedere rispetto agli adulti e che è meglio che attraversino la strada solo in punti illuminati. Inoltre, spiegate loro che, se ci sono veicoli in avvicinamento, prima di attraversare devono aspettare finché si siano davvero fermati. Queste regole, tra l’altro, non valgono solo per i bambini, anzi: andrebbero ricordate anche a noi adulti. 

>> Link a prodotti luminosi e catarifrangenti

>> Maggiori consigli sulla sicurezza a cura di Madevisible

Iscriviti ora!

Informazioni su
Madeleine Kohler

Che si tratti di corsa, nuoto, strane discipline sportive, buon cibo o nuove attività per il tempo libero, i temi di cui preferisco scrivere sono anche quelli in cui mi sono già cimentata personalmente. Ad agosto 2021 ho iniziato a lavorare a Visana come specialista in comunicazione e social media e, in quanto tale, sono sempre alla ricerca di storie nuove ed entusiasmanti.

Commenti Le regole del blog'